cosa è il prezzo psicologico e come riconoscerlo

Prezzi psicologici: opportunità o trappola

Hai presente quanto al supermercato trovi dei prezzi in super offerta scontati a 0,99€? Secondo te sono un occasione veramente oppure la fregatura è dietro l’angolo? Sai cosa sono i prezzi psicologici? No? In questo articolo ti spiegheró meglio che posso cosa sono i prezzi psicologici e che impatto hanno nella vita di tutti i giorni.

Cosa sono i prezzi psicologici

I prezzi psicologici sono quelli che, per urgenza, domanda o strategie di moda, vengono impostati apposta per provocare un impulso psicologico alla vendita.

Il desiderio di acquisire, possedere o consumare ci porta a riflettere sulle possibilità in base alla nostra personalità. Il prezzo, in quanto ultimo e più determinante fattore oltre alla necessità, ha il potere di determinare un acquisto. Da quando l’essere umano ha scoperto la manipolazione, non abbiamo smesso di evolverci nell’arte dell’inganno e della convinzione, portandoci a studiare il nostro comportamento in tutte le aree.

Di fronte a una guerra emergente che aveva terrorizzato paesi che non avrebbero nemmeno saputo dell’odore di un bombardamento, le aziende hanno iniziato a giocare con la paura, l’ignoranza e la disperazione.

Era ora di aumentare i prezzi e di sembrare che ci stessero facendo un favore.

E si… è possibile aumentare le vendite alzando il prezzo, bastano pochi ingredienti: necessità, bugie e un pizzico di paura, perché il suo sapore si diffonde facilmente.

Rapporto tra psicologia e acquisto

Esistono due tipi di persone nel mondo:

Chi acquista inconsapevolmente, posseduto dalla voglia di consumo e dalle emozioni e questo ci rende preda delle strategie di vendita e marketing più predatorie, cioè della stragrande maggioranza. I prezzi psicologici attaccano direttamente con gli stimoli la nostra amigdala, che è responsabile della generazione della dopamina, un ormone del piacere e uno di quelli responsabili della determinazione dei nostri atti di consumo. L’impatto dei prezzi sulle emozioni, sul contesto emotivo, influisce direttamente sul nostro processo decisionale, provocando consumi. Questo è il solito processo, oggi, biologicamente e psicologicamente, di un acquisto.

Chi ci pensa due e tre volte prima di acquistare. Questi non sono più intelligenti dei precedenti, hanno solo più paure, insicurezze o meno decisioni. Sebbene possa essere applicato a prodotti costosi, che ci costringono a cercare alternative più economiche. Questo di solito accade perché i livelli di cortisolo, ormone che genera scoraggiamento, rispetto alla possibilità di acquisire il prodotto sono alti.

L’input del prezzo come stimolo rimane nel processo decisionale, nella nostra memoria a lungo termine, che si trova nel talamo e nella corteccia cerebrale, in attesa che altri fattori guidino l’acquisto.

Strategie di prezzi psicologiche

Lavorare nel marketing digitale fa sì che tutti questi elementi che non possono essere visti ad occhio nudo ti siano ovvi, come vedere una macchia di caffè su un tavolo bianco.

I tipi di prezzi psicologici erano i più evidenti ed era più che evidente che la vera strategia di neuromarketing era lì, sotto forma di numeri, virgole, simboli e colori…

1. I numeri dispari

Sono quei prezzi psicologici in cui il decimale è la chiave della strategia, poiché finisce sempre con 9 o 5. Sicuramente ti suona familiare vedere prezzi come 3,99 o 3,95. Circondato da un colore rosso, arancione o giallo per stimolare la tua esigenza di acquisto e avvisarti che si tratta di un’offerta non rifiutabile, facendoti evitare di arrotondare per eccesso e per difetto.

Questi sono i più abbondanti nei prodotti a basso costo. Ho iniziato a riempire il mio carrello di verdure e spezie… la stragrande maggioranza con questi tipi di prezzi. La verità è che non mi sono nemmeno preso la briga di guardare altre opzioni, la mia fretta e l’ansia di finire il prima possibile mi hanno fatto andare a quei prezzi eccezionali.

2. Prezzo come distinzione

Questi sono quelli che evidenziano un prezzo che attira l’attenzione per essere notevolmente diverso dagli altri prodotti che competono con quello promosso. Ho potuto vedere l’esempio più chiaro nel caffè. Di 5 marchi che hanno venduto, quattro hanno superato i 3 euro e solo uno era sotto i 2. Una differenza di quasi 2 euro…

3. Prezzo unico

Questo tipo di prezzo psicologico non viene mai meno, perché è pensato in modo che tu diventi un acquirente ricorrente del prodotto, che tu lo abbia o meno in casa. Il suo prezzo è tondo, senza decimali, e soprattutto: non sai nemmeno quando salirà perché continuerà ad essere un prezzo tondo.

4. Prezzo in evidenza

Mettere in relazione il prezzo con la qualità è un pregiudizio che trae grande vantaggio da questo tipo di prezzo psicologico. A volte il design del packaging e la pubblicità dei marchi ci fa pagare un prezzo più alto per un prodotto peggiore o uguale a uno più economico.

5. Prezzo di routine

È qui che entrano in gioco strategie basate su abbonamenti o routine di consumo. Questi prezzi si basano sull’acquisto ricorrente di prodotti che tendono a cambiare nel breve termine. Un esempio sono riviste o giornali.

Dal prezzo alle tue necessità: tutto è studiato bene

Una cosa è chiara ora, che tutti i prezzi delle cose sono creati da profondi studi psicologici di esperti di neuromarketing.

Analizzandoli, sono giunto alla conclusione che il bisogno fa il prezzo e contro il bisogno e una società sempre meno premurosa e paziente, è molto difficile impedire che questi continuino a salire… Alla fine, il costo del vivere non smette di crescere e nel marketing avremo sempre gli strumenti affinché i prezzi psicologici e altre strategie continuino a funzionare…